Frassino

Nome botanico Fraxinus excelsior L.

Informazioni storico-culturali
Dai manici per lance, zappe e asce del neolitico, lo sviluppo ha portato oggi ai manici per martelli, picconi e badili. Gli artigiani esperti sanno che la fibratura dovrebbe essere longitudinale. Questo diminuisce il pericolo di spaccature longitudinali in conseguenza di violente sollecitazioni. Per la costruzione dei carri il legno di frassino, stabile ed elastico, era l’ideale. Questo materiale venne impiegato anche per le carrozzerie delle automobili, tuttavia, come nella produzione degli sci, è stato superato da tempo da altri materiali. E chi si ricorda ancora delle panche di legno dei treni con la curvatura ergonomica? È rimasta l’attrattività del legno chiaro per i mobili di pregio.

Informazioni generiche
La presenza di frassino nei boschi è scarsa (ca. l’1 %); nei boschi ripariali, in alcune zone, è invece relativamente elevata. Il frassino è da un lato un albero dei fondovalle e delle rive dei fiumi, dall’altro lo si rinviene in terreni umidi anche a quote più elevate fino a 1200 m. Cresce velocemente e raggiunge i 250 anni di età, nei boschi produttivi viene tagliato a 70 – 90 anni con diametri di 0,4 – 0,6 m.

Caratteristiche del legno
Il frassino è una specie legnosa a durame non differenziato o differenziato facoltativamente. I grossi vasi nel legno primaverile sono visibili ad occhio nudo. Insieme al colore chiaro essi ne facilitano il riconoscimento. Generalmente non c’è differenza di colore tra alburno e durame. Il “cuore colorato” che si sviluppa secondariamente è un carattere facoltativo. Nei frassini americani esso è uniformemente grigiobruno fino a bruno e chiaramente scolorito, mentre nei frassini europei è da grigiobruno fino ad oliva e spesso increspato. Di rado si forma una distribuzione di colore anulare in sezione trasversale che porta a delle striature colorate radiali. Per la somiglianza all’olivo (Olea europaea), suo parente botanico, i tronchi con disegno particolare vengono detti di frassino olivato. Questi raggiungono buoni prezzi per la sfogliatura.

Proprietà
Con una massa volumica secca di 670 kg/m3 il frassino appartiene ai legni più pesanti e duri (durezza di Brinell di 38 N/mm2). È tenace ed elastico. La sua lavorazione richiede un medio dispendio energetico, tuttavia è necessario fare attenzione alle differenze di durezza tra il legno primaverile e tardivo, soprattutto nel caso di anelli di accrescimento ampi con porzione di legno tardivo estesa. Il legno vaporizzato si piega, taglia e sfoglia facilmente. L’essiccazione è veloce e non produce difetti, tuttavia nel caso di essiccazione artificiale, si può perdere la tonalità chiara a scapito di un colore grigio indesiderato. Alla luce il legno bianco del frassino ingiallisce.

Impieghi
Il legno, chiaro, è particolarmente adatto per sfogliati decorativi, pavimenti (parquet), scalini, mobili in legno piegato. Per le buone proprietà meccaniche viene utilizzato per le attrezzature sportive (parallele, remi, spalliere), per gli attrezzi da lavoro (manici per martelli ed asce, scale a pioli), per la costruzione di utensili e di strumenti musicali (bacchette per percussioni). Il bel frassino marezzato turco ed ungherese (una forma di orniello, Fraxinus ornus L.) è molto apprezzato dai costruttori di mobili.